Plastificazione: tutto quello che c’è da sapere

La plastificazione degli stampati è una tecnica nobilitativa particolare e richiesta.

Nei prossimi 3 minuti vediamo alcune conoscenze di base su questo argomento. 

Innanzitutto, di cosa stiamo parlando? Plastificare significa applicare un film plastico sullo stampato per conferirgli resistenza e protezione. 

Spesso la plastificazione è considerata come un qualcosa di necessario, un prerequisito indispensabile per ottenere un risultato eccellente.

Se non plastifichiamo il prodotto perde in qualità? 

La plastifica è importante per alcuni scopi, ma non è sempre consigliata. Un velo di plastificazione lucida, opaca, soft touch o telata, può sicuramente costituire un valore aggiunto.

È importante però che questa variabile venga ragionata in base agli obiettivi, in base a cosa si vuole trasmettere.

Facciamo attenzione anche agli aspetti tecnici: se in molti casi la plastificazione può nobilitare, dall’altro potrebbe anche compromettere la piacevolezza e l’estetica di alcuni tipi di carta, ad esempio: potremmo avere scelto una carta con splendide lavorazioni ( come la carta riciclata o tipologie di carte naturali uso mano ) che potrebbero venire coperte, e quindi sprecate.

Una consulenza mirata può aiutare a capire in quali casi sia meglio plastificare, e soprattutto come plastificare.

Una domanda che spesso ci viene posta è:  plastificazione lucida o opaca?

  • La plastificazione lucida viene ampiamente utilizzata per dare robustezza e forza e vivacizza i colori. Valorizza gli stampati d’uso più quotidiano, ma può essere scelta anche per motivi estetici o comunicativi. Infine, ha il merito di proteggere la carta aumentando la resistenza nel tempo di svariati tipi di prodotti (dalla cartellina portadocumenti al depliant).  

  • La plastica opaca e la plastica Soft Touch vengono utilizzate spesso per stampati di sostanza come cataloghi e libri, ma anche per biglietti da visita o inviti.  Queste lavorazioni donano eleganza e sobrietà, la carta al tatto è piacevolmente vellutata, il risultato finale è raffinato e al tempo stesso d’impatto. 

Su una base opaca è possibile inserire una serigrafia UV lucida su pochi e selezionati elementi, creando un contrasto suggestivo, dall’effetto quasi tridimensionale. 

In sintesi, la plastificazione è una nobilitazione che garantisce qualità e robustezza, è importante valutarla con attenzione e sceglierne la tipologia più adatta per rendere lo stampato ancora più comunicativo.

In particolare, per carte patinate ne viene consigliata l’applicazione, per carte naturali, uso mano, riciclate o di altre tipologie similari consigliamo di evitare la plastificazione per non perdere l’effetto speciale al tatto tipico di questa categoria di carte naturali.

Seguici e condivi sui canali social:

Articoli recenti

Credits by Grafiche Callegaro